Archivi categoria: Senza categoria

Carlo Perricone

Dott. Carlo Perricone

Curriculum Vitae in Breve

Nato a Roma il 19 Aprile 1984.

Medico Chirurgo Specialista in Reumatologia,

Ricercatore e Dirigente Universitario presso la Sezione di Reumatologia, Dipartimento di Medicina e Chirurgia, Università di Perugia.

Ha iniziato la Scuola Primaria all’età di 4 anni e nel 2001, a 17 anni, ha conseguito il Diploma di Maturità Scientifica con 100/100.

Ha quindi intrapreso gli Studi di Medicina e Chirurgia presso l’Università di Roma Tor Vergata, laureandosi nel Luglio 2007 con la votazione di 110/110 e Lode, media 29,36 (al tempo, il secondo più giovane laureato in Medicina e Chirurgia in un’Università Pubblica in Italia).

In particolare, il percorso Universitario è stato premiato dalla fondazione Sebastiano e Rita Raeli, e la tesi di Laurea è stata premiata dall’associazione ex-alunni dell’Istituto Massimiliano Massimo.

Quindi ha conseguito l’abilitazione alla professione di Medico Chirurgo e la Specializzazione in Reumatologia ad Aprile 2012 con la votazione di 70/70 e Lode presso la Sapienza Università di Roma e nella stessa Università ha poi vinto –  I classificato –  il concorso per l’accesso al Dottorato di Ricerca in Scienze Ematologiche, Immunologiche ed Ematologiche che ha conseguito a Febbraio 2016 con la votazione di 50/50 e Lode.  Ha inoltre ottenuto un Master di secondo livello in Medicina Traslazionale in Reumatologia presso l’Università di Trieste a Settembre 2016.

Dal 2016 al 2019 ha svolto attività clinica e di ricerca come Dirigente Medico e Assegnista di Ricerca presso il Policlinico Umberto I di Roma, con incarichi di docenza presso la facoltà di Medicina e Chirurgia della Sapienza Università di Roma.

Ha conseguito a Gennaio 2015, all’età di 31 anni, l’abilitazione scientifica nazionale per l’accesso al ruolo di Professore universitario di II fascia,  Bando 2013 (DD n.161/2013), Settore Disciplinare 06/D3 – MALATTIE DEL SANGUE, ONCOLOGIA E REUMATOLOGIA con parere unanime: “il candidato presenta un curriculum congruo al raggruppamento disciplinare caratterizzato da una solida e progressivamente crescente produzione scientifica”.

La sua attività è focalizzata in particolare sulla diagnosi, gestione e trattamento delle artriti infiammatorie, come artrite reumatoide e psoriasica, delle connettiviti come lupus eritematoso sistemico, sindrome di Sjogren, e delle malattie rare in reumatologia, sull’utilizzo dell’ecografia muscolo-scheletrica e della capillaroscopia nelle malattie reumatiche.

Dal 2010 è docente di ecografia muscolo-scheletrica per la European League Against Rheumatism e per la Società italiana di Reumatologia. Fondatore e past-member della Commissione del gruppo Giovani della Società Italiana di Reumatologia (SIRYoung).

L’attività di ricerca è documentata da oltre 200 pubblicazioni in extenso pubblicate su prestigiose riviste nazionali e internazionali di cui è autore e coautore, fra cui Nature Genetics, Arthritis & Rheumatology e Journal of Autoimmunity, oltre a libri e capitoli di libri fra cui Mosaic of Autoimmunity.

Ha vinto, fra gli altri premi, il MAI – Mosaic of Autoimmunity Award – al 10° Congresso Internazionale sull’Autoimmunità come miglior giovane under 40, premio conferito su base curricolare.

È referee per oltre 130 riviste peer-reviewed fra cui Arthritis & Rheumatology e Rheumatology (Oxford). È membro, fra gli altri, dell’Editorial Board di Autoimmunity Reviews e European Journal of Rheumatology. Ha partecipato, come sub-investigator e co-principal investigator, a  numerosi trial clinici.

Inoltre, ha partecipato come relatore e moderatore ad oltre 150 fra corsi, seminari e congressi a carattere nazionale e internazionale. Vincitore di bandi per attività finanziate da fondi nazionali e finanziamenti per attività di ricerca di natura nazionale e internazionale.

ENGLISH

Born in Rome on April 19, 1984, Specialist in Rheumatology, Senior Lecturer at the Section of Rheumatology, Department of Medicine and Surgery, University of Perugia.

He started primary school at the age of 4 and in 2001, at the age of  17, he obtained the Scientific High School Diploma with 100/100 and then undertook the studies of Medicine and Surgery at the University of Rome Tor Vergata, graduating in July 2007 with a grade of 110/110 cum laude (at the time, the second youngest graduate in Medicine and Surgery from a Public University in Italy). In particular, the university course was awarded by the Sebastiano and Rita Raeli foundation, and the degree thesis was awarded by the alumni association of the Massimiliano Massimo Institute.

He specialized in Rheumatology in April 2012 with the mark of 70/70 cum laude at the Sapienza University of Rome and in the same University he then won the competition for access to the PhD in Hematological, Immunological and Hematological Sciences which he obtained in February 2016 with a score of 50/50 with honors. He also obtained a second level Master in Translational Medicine in Rheumatology at the University of Trieste in September 2016.

From 2016 to 2019 he carried out clinical and research activities as physician and Research Fellow at the Policlinico Umberto I in Rome. He obtained in January 2015, at the age of 31, the national scientific qualification for access to the role of II level university professor (Associate Professor), Call 2013 (DD n.161 / 2013), Disciplinary Sector 06 / D3 – BLOOD DISEASES, ONCOLOGY AND RHEUMATOLOGY with unanimous opinion.

His activity is focused on particular on the diagnosis, management and treatment of inflammatory arthritis, such as rheumatoid and psoriatic arthritis, of connective tissue diseases such as lupus erythematosus systemic, Sjogren’s syndrome, and rare diseases in rheumatology, on the use of musculoskeletal ultrasound and capillaroscopy in rheumatic diseases. Since 2010 he has been a professor of musculoskeletal ultrasound for the European League Against Rheumatism and for the Italian Society of Rheumatology. Founder and past member of the Commission of the Youth Group of the Italian Society of Rheumatology (SIRYoung).

The research activity is documented by over 200 full-length peer reviewed papers published in prestigious national and international journals of which he is author and co-author, including Nature Genetics , Arthritis & Rheumatology and Journal of Autoimmunity, as well as books and book chapters including Mosaic of Autoimmunity. He won, among other prizes, the MAI – Mosaic of Autoimmunity Award – at the 10th International Congress on Autoimmunity as best young under 40, awarded on a curricular basis.

He is referee for over 130 peer-reviewed journals including Arthritis & Rheumatology and Rheumatology (Oxford). He is a member, among others, of the Editorial Board of Autoimmunity Reviews, and the European Journal of Rheumatology. He has participated, as a sub-investigator and co-principal investigator, in numerous clinical trials. In addition, he has participated as a speaker and chairman in over 150 national and international courses, seminars and conferences.

Pandemie con Sponsor e Epidemie senza nome

LEGGI L’ARTICOLO SU LA REPUBBLICA:

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2010/02/24/pandemie-con-sponsor-epidemie-senza-nome.html

Quest’anno, ed in particolare in questo periodo, si sta verificando a Roma come in altre parti d’Italia (e del mondo) una vera e propria epidemia. Oltremanica lo chiamano il “Winter bug”, una patologia caratterizzata da nausea con vomito, quindi febbre, e dunque dolore allo stomaco accompagnato a diarrea che sta colpendo diffusamente gli Italiani.

La classica gastroenterite, si direbbe.

Sembra però quest’anno essere un’infezione di una certa rilevanza, una forma particolarmente virulenta, molto spesso più severa e debilitante, che, cito fonti estere, ha provocato la chiusura di intere strutture ospedaliere, nonché di reparti e scuole.

Eppure non se ne parla.

La causa è un virus, il Norovirus, che annualmente si presenta provocando tale sintomatologia con due picchi (siamo nel secondo) andando a colpire fino ad 1.000.000 di persone. Un virus che quest’anno pare abbia la caratteristica di essere estremamente trasmissibile per cui si raccomanda alle persone colpite di restare a casa fino ai due giorni successivi al termine della sintomatologia.

Eppure, non se ne parla.

Va detto, è una patologia senza rimedi farmacologici specifici, ed il rimedio principe rimane una appropriata idratazione ed il riposo, evitando possibilmente i farmaci sintomatici e soprattutto gli antidiarroici.

Mi chiedo se allora per far parlare di sé, una malattia debba avere degli sponsor: le case farmaceutiche. Ogni anno viviamo la pressione mediatica causata dall’influenza stagionale. Il 2009 è l’anno dell’incubo-influenza A: che fine ha fatto? Qual è stato il suo reale impatto sulla popolazione? Dove sono quelle milioni di dosi di vaccino comprate dal nostro governo (con i nostri soldi)?

Tornando al problema attuale, qual è il servizio di informazione per i cittadini che stanno vivendo un’altra epidemia?

Un’epidemia senza nome, non per questo senza vittime.