Si è da poco concluso il Congresso Annuale dell’EULAR (Annual European Congress of Rheumatology) tenutosi a Berlino dal 6 al 9 Giugno 2012. Numerose sono state le relazioni scientifiche riguardanti il Lupus Eritematoso Sistemico (LES).
Diversi sono stati gli argomenti di interesse ed il nostro gruppo della Lupus Clinic di Roma ha partecipato con diversi poster:

 

Il Dott. Perricone e la Dott.ssa Ceccarelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[AB0200] HIGH EXPRESSION OF TOLL LIKE RECEPTORS 7 AND INTERLEUKIN 18 IN LUPUS NEPHRITIS
Authors: F.R. Spinelli1, S. Truglia1, C. Alessandri1, M. Bombardieri2, F. Ceccarelli1, F. Martinelli1, F. Miranda1, V. Conti1, C. Perricone1, C. Giannakakis3, T. Faraggiana3, G. Valesini1, F. Conti1
Session Info: SLE, Sjögren’s and APS – Etiology, pathogenesis and animal models

[AB0642] VALIDATION OF A DISEASE-SPECIFIC HEALTH – RELATED QUALITY OF LIFE MEASURE FOR ITALIAN ADULT PATIENTS WITH SYSTEMIC LUPUS ERYTHEMATOSUS: LUPUSQOL-ITALY
Authors: C. Perricone, F. Ceccarelli, I. Bartosiewicz, V. Pacucci, V. Conti, L. Massaro, F. Miranda, S. Truglia, C. Alessandri, F.R. Spinelli, G. Valesini, F. Conti
Session Info: SLE, Sjögren’s and APS – Clinical aspects (other than treatment)

[AB0666] RENAL RESISTIVE INDEX IN LUPUS NEPHRITIS: CORRELATION WITH RENAL FUNCTION AND ASSOCIATION WITH HISTOLOGICAL FEATURES
Authors: F. Ceccarelli1, C. Perricone1, A. Gigante2, F.R. Spinelli1, S. Truglia1, F. Miranda1, V. Conti1, L. Massaro1, R. Cianci2, G. Valesini1, F. Conti1
Session Info: SLE, Sjögren’s and APS – Clinical aspects (other than treatment)
[AB0667] CLINICAL AND IMMUNOLOGICAL FEATURES IN A MONOCENTRIC COHORT OF 305 ITALIAN PATIENTS AFFECTED WITH SYSTEMIC LUPUS ERYTHEMATOSUS
Authors: V. Conti, C. Perricone, F. Ceccarelli, V. Pacucci, S. Truglia, F. Miranda, I. Bartosiewicz, L. Massaro, F.R. Spinelli, C. Alessandri, G. Valesini, F. Conti
Session Info: SLE, Sjögren’s and APS – Clinical aspects (other than treatment)
[SAT0206] EVALUATION OF THE PATIENT ACCEPTABLE SYMPTOM STATE (PASS) IN PATIENTS WITH SYSTEMIC LUPUS ERYTHEMATOSUS: ASSOCIATION WITH DISEASE ACTIVITY INDICES – POSTER TOURS
Authors: F. Ceccarelli, L. Massaro, C. Perricone, F.R. Spinelli, I. Bartosiewicz, S. Truglia, F. Miranda, V. Conti, V. Pacucci, C. Alessandri, G. Valesini, F. Conti
Session Info: Lupus and Sjörgren’s – Clinical
Year: 2012
[SAT0206] EVALUATION OF THE PATIENT ACCEPTABLE SYMPTOM STATE (PASS) IN PATIENTS WITH SYSTEMIC LUPUS ERYTHEMATOSUS: ASSOCIATION WITH DISEASE ACTIVITY INDICES
Authors: F. Ceccarelli, L. Massaro, C. Perricone, F.R. Spinelli, I. Bartosiewicz, S. Truglia, F. Miranda, V. Conti, V. Pacucci, C. Alessandri, G. Valesini, F. Conti
Session Info: SLE, Sjögren’s and APS – Clinical aspects (other than treatment)

[THU0169] TRAF3IP2 GENE POLYMORPHISMS ARE ASSOCIATED WITH SUSCEPTIBILITY TO SYSTEMIC LUPUS ERYTHEMATOSUS
Authors: C. Perricone1, D. Di Fusco2, C. Ciccacci2, F. Ceccarelli1, E. Cipriano1, F.R. Spinelli1, P. Borgiani2, G. Valesini1, F. Conti1
Session Info: SLE, Sjögren’s and APS – Clinical aspects (other than treatment)


Per quanto riguarda le comunicazioni orali, grande interesse è stato rivolto ai nuovi criteri classificativi del LES proposti dallo SLICC (Systemic Lupus International Collaborating Clinics). Ricordiamo che i criteri classificativi non sono criteri diagnostici, ma sono utili nell’arruolamento di pazienti in studi clinici in modo da creare una coorte omogenea fra centri differenti. Fino ad oggi, i criteri in auge sono stati quelli rivisti dell’ACR (American College of Rheumatology) del 1987. Rispetto a questi ultimi sono state apportate delle differenze sostanziali che hanno come risultato quello di aumentare la sensibilità (dall’83% al 97%) ma ridurre la specificità (dal 96% all’84%). Ciò si traduce nel fatto che, considerando questi nuovi criteri, molti più pazienti verrebbero classificati come LES rispetto ai precedenti criteri. Le principali differenze con i precedenti riguardano il coinvolgimento cutaneo, articolare, renale e neurologico.

Qui di seguito riporto l’elenco degli 11 criteri clinici: Coinvolgimento cutaneo: 1. lupus cutaneo acuto e subacuto; 2.lupus cutaneo cronico; 3. ulcere orali; 4. alopecia (che non era presente nei precedenti criteri).Coinvolgimento articolare: 5. sinovite (nei precedenti criteri invece si parlava di artrite non erosiva) di 2 o più articolazioni oppure tenderness (dolorabilità) di 2 o più articolazioni con rigidità mattutina di circa 30 minuti o più. Sierositi: 6. pleuriti o pericarditi (come nei precedenti criteri). Coinvolgimento renale:7. Proteinuria nelle 24 oppure rapporto proteine/creatinina (che non   c’era nei precedenti criteri) oppure al sedimento urinario: cilindri di globuli rossi. Coinvolgimento neurologico: 8. Oltre a epilessia e psicosi (già presenti nei precedenti criteri) sono incluse in questi nuovi criteri anche le mononeuriti multiple, le neuropatie centrali o periferiche, le mieliti e gli stati confusionali acuti. Manifestazioni ematologiche: 9. Anemia emolitica 10. Leucopenia (<4000/mm3) o linfopenia (<1000/mm3) almeno una volta. 11. Piastrinopenia (<100000/mm3) almeno una volta. Qui di seguito riporto i 6 criteri immunologici: 1.ANA positività 2. Presenza degli anti-dsDNA (in tecnica ELISA devono essere più del doppio del range di normalità) 3. Anti-Sm. 4. Anticorpi antifosfolipidi: LAC positivo, falsa positività per il test della sifilide, anticorpi anticardiolipina e anti-b2GPI IgG, IgM e IgA (rappresentano una novità) presenti a medio-alto titolo. 5. Ipocomplementemia (C3, C4, CH50) 6. Positività al test di Coombs diretto. In conclusione, per classificare un paziente come affetto da LES, dovrebbero essere soddisfatti almeno 4 criteri, di cui almeno 1 criterio clinico e 1 criterio immunologico. Nella sessione “poster”, uno in particolare è stato scelto come poster tour e riguardava l’introduzione di una semplice domanda (PASS) nella pratica clinica, presentato dalla Dott.ssa Fulvia Ceccarelli. PASS non è mai stato utilizzato finora nei pazienti con LES e rappresenta l’acronimo di: patient acceptable symptom state; è considerato come un indice di valutazione dello stato di salute che, mediante una singola, semplice domanda a risposta dicotomica (si/no), serve a identificare il livello massimo di sintomi che permette di definire accettabile lo stato di salute del paziente. I pazienti sono stati invitati a rispondere alla seguente domanda: “Considerando i sintomi dovuti alla malattia, se lei dovesse rimanere in questo stato per i prossimi mesi considererebbe la sua attuale condizione soddisfacente?”. Nel nostro studio, abbiamo quindi impiegato per la prima volta l’indice PASS che ha dimostrato la capacità di discriminare pazienti con diversa attività di malattia. I nostri risultati suggeriscono l’impiego routinario nella pratica clinica di questo indice di facile e rapido utilizzo.
 

Comments are closed.